Tag: Fotografia

L’élégance de vos absences.

Memoria – Processo legato alla genesi di una modificazione (traccia mnestica) di un substrato, organico o non, attraverso il quale

Crossing the void – Chapter 2

Urban spaces in West Africa, in particular cities such as Dakar, Abidjan, and Lagos, represent promising and at the same

Crossing the void – Chapter 1

What you are about to see is a two-voices structured photography research. Giulia Longo and Katia Golovko, both of them

IPERIONE

Il sonno è un dono che sembra non possa più essere concesso agli uomini, almeno non agli uomini che abitano

!%$4 Comunication With Center Failed 4$%!

Dal calcestruzzo, dal cemento armato permeavano lacrime, calli e lame, erano ben visibili. Percolando dalle pareti si trascinavano dietro tutto

Uno sguardo nel kitsch di Martin Parr

Martin Parr è un fotografo britannico classe 1952. I primi approcci fotografici constano di opere in bianco e nero. Ma è dai lavori dei primi anni 80 che comincia a sviluppare la propria poetica innestata su una esaltazione delle contraddizioni dei soggetti fotografici sulla base di una oculata scelta di tali soggetti e di colori vividi iper-saturati. E’ proprio questo perfetto connubio a permettere che il fotografo rientri oggi tra i grandi, sebbene un restio Henri Cartier-Bresson non abbia mai apprezzato le opere dell’autore qui trattato poichè ritenuto dal maestro un po’ troppo eccentrico, addirittura proveniente da un pianeta diverso rispetto a quello della fotografia. Per molto tempo e in modo quasi ossessivo l’autore ha fotografato del cibo: migliaia di pietanze, fast food, english breakfast, bibite colorate gasate, dolciumi di vario genere. Con queste fotografie il risultato estetico raggiunge dei livelli importanti. Il cibo perde il suo significato primarioe si autoestetizza staccandosi quasi dalla realtà, diventando un oggetto ready-made dai colori vivaci, spaccando la pellicola e raccontando la realtà dal quale proviene.

befunky-collage

La scelta di ritrarre i piatti tipici dell’alimentazione pop britannica è in linea con tutta la poetica del fotografo. Infatti i piatti sembrerebbero rappresentare una metafora della condizione facilmente opulenta, ricca di conservanti e plasticosa della media borghesia. Tutto è esaltato da un vero e proprio gusto del kitsch il quale non viene visto da Parr stesso come una debolezza, ma come il punto esatto della sua poetica.